lunedì 4 aprile 2016

Accessori che passione!

Lavoro a  uncinetto da quando ero bambina e poi intorno ai 9 anni ho imparato a lavorare a maglia e i miei ferri del mestiere si limitavano a uncinetti e aghi da maglia.

Lavoravo e mi sembrava che non mi servisse altro, tutti gli accessori che oggi formano il corredo della "perfetta" knitter neppure esistevano.


I segna-maglie non erano altro che fili di lana di altri colori diversi dal colore che si lavorava chiusi a cappietto; per non far cadere le maglie dall'ago da maglia usavo i tappi di sughero. 


Entrambe le soluzioni ancora oggi sono validissime anche se l'industria si è sfogata e ne ha prodotti di tutti i tipi e colori.




Resto incantata e ogni volta che si deve preparare un ordine per il laboratorio di Pippicalzelunghe ne faccio anche uno personale. 

Mi tuffo nei cataloghi e seleziono accessori e soluzioni per rendere il mio lavorare a maglia ancora più semplice e allegro.

Arricchisco la mia scatola della maglia, che man mano diventa sempre più preziosa e devo dire che non si tratta solo di  possedere un gadget ma molti degli articoli che scelgo e che sono ora sul mercato sono davvero necessari.



Questa che vedete in foto è uno dei miei ultimissimi acquisti è una borsetta in stoffa di seta della hiyahiya completa di tutti gli  accessori utile per una knitter.


Al suo interno ho trovato:

- spille per raccogliere le maglie,
- aghi da maglia di varie misure,
- tappi in plastica per gli aghi,
- ferro per mettere in sospeso le maglie di tre misure diverse,
- segna maglie in plastica colorata a lucchetto
- segna maglie  e a goccia in acciaio
- misuratore per gli aghi da maglia,
- forbicine 2 paia,
- 1 centimetro estraibile
e come se non bastasse non compresa nel set ho aggiunto la pecorella misura-ferri , non potevo non averla!

Trovate tutto questi accessori e molti altri nello shop di Pippicalzelunghe:


http://www.ppcalzelunghe.com/e-shop/hiyahiya/





venerdì 1 aprile 2016

Merletto di Idria



Il merletto di Idria è un merletto a tombolo eseguito con i fuselli (almeno 7), inizialmente venivano fatti con i filati di cotone di grana grande poi si è passati a filati di filo molto più piccolo.


Il pizzo di Idria ha radici in Slovenia, ci sono testimonianze scritte che risalgono al XVII secolo ma probabilmente è molto più antico.


Nasce con le famiglie dei minatori arrivati in Slovenia dalla Germania e dalla Cecoslovacchia le cui mogli iniziarono ad insegnare il merletto che poi si è diffuso in tutta la regione.

Oggi esiste ancora una scuola ad Idria di merletti e alcuni lavori preziosissimi sono custoditi nel museo civico nel castello di Idria di Gewerkenegg.

Nel laboratorio di Pippicalzelunghe sono disponibili alcuni di questi merletti meravigliosi, dei pezzi unici, lavorati in passato da esperte merlettaie  rarissime da trovare oggi, appartenenti alla vecchia "Scuola di merletti  di Idria". 


É  possibile acquistarli, sono pochi ma di rara e preziosa fattura. 
http://www.ppcalzelunghe.com/handmade/